mercoledì 4 marzo 2009

I SOLDI SONO PROPRIO FINITI

L'economia non da segni di ripresa. Anzi, le previsioni per il 2009, vengono ritoccate verso il basso.
L'Europa e' ferma, l'Italia lo e' di piu'. Che fare? Le borse internazionali, in caduta libera, continuano a dissolvere denaro, influenzando negativamente una economia reale la cui produzione e' ai minimi storici.
Il Governo italiano continua nella sua opera di persuasione e profusione di ottimismo forse, per autoconvincersi per primo che gli orizzonti sono meno cupi di come appaiono a tutti.
Si ripete che il sistema bancario nazionale e' solido e che si deve dare credito alle imprese, specie le piccole, vera ossatura del sistema economico italiano. Ma le banche a quanto pare, rimangono rigide sulle proprie posizioni, non concedendo facilmente fiducia ai propri clienti.
L'opposizione viene accusata dal Governo di fare demagogia, proponendo un assegno di disoccupazione a garanzia di tutti coloro che a breve, perderanno il proprio posto di lavoro.
A sua volta, il Governo viene accusato di continuare a fare propaganda elettorale, annunciando programmi faraonici per il rilancio dell'economia. Si vuole puntare sulle infrastrutture annunciando per l'ennesima volta, l'inizio dei lavori per il Ponte sullo Stretto - quando in Sicilia c'e' ancora una linea ferroviaria a binario unico, risalente all'epoca Borbonica - o la realizzazione di decine di centrali atomiche- il Paese si spacchera' nuovamente.
Nel frattempo l'economia continua a contrarsi. Vengono prese dal Governo decisioni importanti per il rilancio del settore auto. La Fiat si avvantaggera' delle solite politiche di rottamazione o di accordi ancor piu' importanti di collaborazione con il settore auto negli Stati Uniti - non ci saranno effetti positivi sull'occupazione in Italia - ma per quanto riguarda la crisi dello stabilimento di Pomigliano che rischia la chiusura, le decisioni spetteranno all'amministratore delegato Marchionne, il quale fa sapere che Pomigliano chiudera' se il mercato non rispondera' adeguatamente - cosa assai probabile.
Anche gli statali sono a rischio, specie nella scuola. Adesso pare che anche il sindacato sia concorde ad alzare l'eta' pensionabile delle donne, unico metodo per trovare fondi a garanzia delle fasce sociali piu' deboli.
Come scrissi nel post sopra-linkato, i soldi sono proprio finiti. Per vederli, bisognera' fabbricarli.

2 commenti:

Annalisa ha detto...

Angelo da noi non ci sono mai stati!!!

nicola ha detto...

Non vi preoccupate perchè i soldi per gli amici non finiranno mai.
Vedi il corso antistress per 10 dirigenti della Provincia di Napoli. Ovviamente la ditta è di Milano.
ciao