martedì 24 febbraio 2009

FACEBOOK: L'AMICIZIA E' VIRTUALE

Nel nuovo modo di comunicare tra le masse, oggi imperversa facebook.
Un contenitore universale, divenuto un must imprescindibile nel nostro Paese.
Centinaia di migliaia di fruitori utilizzano questo format, come nuovo strumento di contatto interelazionale. Vip, uomini politici, artisti, conduttori, giornalisti, personaggi del clero, sportivi famosi, gente qualunque.
Anch'io ho deciso di farne parte, poiche' ho intuito in primo luogo che questo spazio nella rete potesse in qualche modo arrecare dei vantaggi alla mia attivita' imprenditoriale, a costo zero e in modo piu' diretto e capillare.
Ho avuto il piacere di ricontattare amiche ed amici che non vedevo da oltre 25 anni, compagni del liceo, addirittura delle scuole medie. Anch'io in modo forse narciso ( in quasi tutti i fruitori c'e' una forma di esternalizzazione forzata della propria intima soggettivita') ho arricchito il mio profilo con foto che mi ritraggano durante i miei viaggi o quando da adolescente avevo una folta chioma di lunghi boccoli.
Ho notato pero', che a lungo andare, facebook resta, tranne qualche eccezione, un contenitore di basso profilo, per le argomentazioni portate avanti, per il linguaggio usato, per la fin troppo ostentata ricerca di frivolezza, come elisir di effimera e momentanea felicita'.
Tutti dicono tutto. La privacy e' completamente capovolta, si fa a gara a chi espone nel modo piu' disionvolto i propri guai, le proprie gioie, senza farsi scrupolo di dire al mondo intero come gli va la vita. Ci sono cascato anch'io, avvertendo un po' di disorientamento ad aprirmi con il prossimo su particolari del mio vissuto.
Facebook e' diventato un contenitore di intrattenimento che secondo me portera' a breve, anche ad una forma di pericolosa dipendenza, alla pari dei videogames o del gioco d'azzardo.
Dalle 7.00 del mattino a notte fonda, in tanti a navigare, in cerca di contatto, partecipazione, ostentazione, sostegno, nel tentativo di colmare propri vuoti, creando nel proprio immaginario illusorie certezze di solide relazioni. Ci "devi" stare, perche' sai che il tuo simile ci sta. Nello spiare l'altro ti senti meno spiato. Nel dividere un tuo problema con un tuo "amico" ti accolli anche un po' una parte del suo.
In un contesto sociale caratterizzato da valori in via di dissolvimento, con facebook anche all'amicizia viene attribuita un'importanza relativa.

7 commenti:

Pupottina ha detto...

è vero.... ormai anche Facebook avrà le sue reazioni di dipendenza... per me già lo è stato il blog.... appena posso sono sempre qui....

Guernica ha detto...

Odio facebook! Sono impopolare???
Dai..davvero rischiamo di vivere solo un mondo virtuale!

fioredicampo ha detto...

Mi sono iscritta per pura curiosità, ma non riesco a capirne le finalità (a parte le frivolezze già elencate da te). Che senso ha "stringere amicizia" con chi già conosci?
Perché FB - per alcuni - sembra essere il mezzo migliore per restare in contatto? Non sono preferibili le e-mail private? Oppure messenger (o skype)?
Mah... si vede che l'età (la mia) si fa sentire ;-)
Un saluto.

Anonimo ha detto...

Oddio quanto odio tutte ste persone che skifano facebook e poi stanno iscritte la sopra!!!!
Ma dico:la coerenza dove sta di casa?
E' inutile che fate i finti intellettuali attribuendo un senso frivolo ad un social netwoork mondiale.
Voi perkè state iscritti?
E se nn vi piace perkè nn vi cancellate?
Ki pensate vi noterà tra quella miriade di persone?
Chi anonimo è nella vita reale resta anonimo pure sul web...

Io piu' di facebook odio anke ki con un semplice blog SVENDE LA PSICHE PER UN PO DI ATTENZIONE o per un commento carino da qualke utente garbato ank'egli sfigato.

La vita,in generale,non è il web e chi ha una vita reale lo sa.
Io nn ho facebook, nn ho msn, nn ho nessuna diavoleria d'intrattenimento tipo blog e quant'altro e vivo bene lo stesso.
Sono impegnata dalla mattina alla sera e quando ho 2 minuti per maledirmi durante la giornata li passo con i miei amici...reali!
Il social netwoork nemmeno lo giudico perkè mi è INDIFFERENTE.
E basta con ste manie di dipendenza......
Fatevi una vita reale ke è meglio!!!!!!!!!!!

Francesca.

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

good start